[av_image src=’http://www.tremil.it/wp-content/uploads/2018/03/Insegne-Hotel-Best-Western-33.jpg’ attachment=’3676′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=” target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’ admin_preview_bg=”][/av_image]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

Adempimenti burocratici e imposte per l’installazione di insegne e impianti pubblicitari

Vorresti cambiare il tuo vecchio impianto pubblicitario o installare una nuova insegna? Sei spaventato dalla burocrazia e dalla modulistica da presentare? Niente paura, noi di Tremil siamo da sempre al fianco dei nostri clienti aiutandoli in ogni fase del processo di installazione di un nuovo impianto pubblicitario. Se la vostra attività opera in Italia, vi diamo qualche informazione utile per aiutarvi ad osservare tutti gli obblighi previsti dalla legge.

Innanzitutto occorre specificare che le insegne e gli impianti pubblicitari di ogni tipo, proprio perché ubicati in luoghi pubblici, devono essere conformi a quanto prescritto dal Codice della Strada. La legge determina le caratteristiche dimensionali, l’ubicazione, i materiali da utilizzare nonché i criteri di sicurezza da rispettare e le modalità di installazione. Il tutto ovviamente deve essere sempre conforme al vigente Regolamento Urbanistico Edilizio Comunale (R.U.E.C.)

Insegne: tasse e imposte

Deve essere chiaro che la pubblicità è, secondo il regolamento del decreto legislativo numero 507 del 1993, è un vero e proprio tributo che figura tra le principali voci di entrata degli enti locali. Con l’acronimo TOSAP si intende la “tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche“, si tratta di un tributo che si applica a qualsiasi tipo di oggetto posizionato in aree di pubblico interesse e le insegne e i cartelloni pubblicitari rientrano tra i casi di applicazione.

L’entità delle imposte da pagare per la pubblicità è in ogni caso proporzionale alla superficie e al tempo di esposizione. Le tariffe variano da comune a comune e vengono solitamente calcolate in base ai metri quadri di superficie utilizzati annualmente. Solitamente le insegne pubblicitarie dei negozi sono installazioni considerate di lunga durata e hanno diritto ad una riduzione a partire dal terzo mese di esposizione. La tassa annuale sulla pubblicità va versata ogni anno, non oltre il 31 gennaio, purché sia inferiore ai 1.549,37 euro, altrimenti deve essere pagata con cadenza trimestrale entro il 31 gennaio, il 31 marzo, il 30 giugno e il 30 settembre. In previsione di una nuova installazione, al Comune deve esser consegnata la bozza effettiva dell’insegna che verrà poi effettivamente esposta. Non bisogna mai dimenticare di tenere in conto il rispetto delle regole locali che impongono, in taluni casi, di non usare lingue straniere e di inserire l’indirizzo e il numero di telefono dell’attività. La mancata osservanza delle disposizioni comunali può comportare il pagamento di sanzioni pecuniarie piuttosto importanti.

Insegne di esercizio: l’elenco delle procedure autorizzative in Campania e in alcuni comuni italiani.

Malgrado le piccole e le grandi differenze che si possono trovare passando da una città all’altra, installare una nuova insegna pubblicitaria richiede una percorso simile in tutta Italia. Innanzitutto occorre chiedere il permesso all’ufficio pubblicità del Comune, che avrà l’obbligo entro 30 giorni di rilasciare o meno l’autorizzazione, a questo punto sarà possibile compilare il modulo per l’applicazione dell’imposta sulla pubblicità che sarà diversa a seconda dei casi e dei diversi regolamenti comunali. Se l’attività commerciale si trova all’interno di una zona di particolare interesse storico o paesaggistico occorre interpellare anche l’ufficio adibito alla tutela ambientale e osservare alcune direttive che, solitamente, prevedono l’installazione delle insegne solo in determinati spazi.

Di seguito vi riportiamo uno schema utile per le imprese e le attività commerciali che hanno bisogno di installare una nuova insegna all’interno dei principali comuni della Campania e del resto d’Italia.
[/av_textblock]

[av_table purpose=’tabular’ pricing_table_design=’avia_pricing_minimal’ pricing_hidden_cells=” caption=” responsive_styling=’avia_responsive_table’]
[av_row row_style=’avia-heading-row’][av_cell col_style=’avia-desc-col’][/av_cell][av_cell col_style=”]ELENCO PROCEDURE AUTORIZZATIVE INSEGNE DI ESERCIZIO[/av_cell][/av_row]
[av_row row_style=”][av_cell col_style=’avia-desc-col’]Napoli[/av_cell][av_cell col_style=”]SUAP online
– Comune di Napoli Presentazione telematica SCIA con firma digitale.
– compilazione allegati predisposti dal sito;
– elaborati tecnici timbrati e firmati (progetto insegna, foto ,fotoinserimenti ,disegni tecnici, relazione asseverata);
– pagamento diritti di istruttoria.[/av_cell][/av_row]
[av_row row_style=”][av_cell col_style=’avia-desc-col’]Roma – Municipi vari[/av_cell][av_cell col_style=”]Modello di richiesta autorizzazione.
– Allegati grafici e tecnici;
– Pagamento diritti di istruttoria;
– Protocollo via pec o manuale tempi di attesa min 60gg;
– Autorizzazione Paesaggistica per zone vincolate 90gg.[/av_cell][/av_row]
[av_row row_style=”][av_cell col_style=’avia-desc-col’]Milano [/av_cell][av_cell col_style=”]Portale www.impresainungiorno.gov.it
– Procedura telematica con allegati firmati digitalmente inviati al SUAP del comune di riferimento.
– Attesa autorizzazione 60 gg.[/av_cell][/av_row]
[av_row row_style=”][av_cell col_style=’avia-desc-col’]Cagliari[/av_cell][av_cell col_style=”]Portale SardegnaImpresa
– invio SCIA telematica al SUAPE;
– allegati grafici e tecnici.[/av_cell][/av_row]
[av_row row_style=”][av_cell col_style=’avia-desc-col’]Salerno[/av_cell][av_cell col_style=”]Autorizzazione insegne di esercizio.
– Modello predisposto dal comune scaricabile dal sito istituzionale;
– Protocollo via pec al Settore Attività Produttive Ufficio Aut. Insegne e Impianti Pubblicitari;
– allegati grafici e tecnici;
– diritti di istruttoria e marca da bollo.[/av_cell][/av_row]
[av_row row_style=”][av_cell col_style=’avia-desc-col’]Comuni provincia di Salerno[/av_cell][av_cell col_style=”]Autorizzazione con modelli predisposti dal comune
‐ domanda in bollo;
‐ allegati grafici e tecnici;
‐ diritti di segreteria;
‐ inoltro al protocollo via pec o a mano.[/av_cell][/av_row]
[/av_table]

[av_textblock size=” font_color=” color=” av-medium-font-size=” av-small-font-size=” av-mini-font-size=” admin_preview_bg=”]

Installare un’insegna nel Comune di Salerno

Di seguito vi riportiamo alcuni link utili per chi vuole installare una nuova insegna pubblicitaria.

Moduli per installare insegne pubblicitarie nel Comune di Salerno

Rinnovo dell’autorizzazione dei mezzi pubblicitari al Comune di Salerno

Per richiedere il rinnovo o nel caso di mezzi pubblicitari o insegne non soggette ad autorizzazioni come cartelli, vetrofanie, manifesti e video all’interno delle vetrine oppure nel caso delle insegne all’interno dei Centri Commerciali, occorre compilare e inoltrare il seguente modulo al Settore Tributi.

Dove inoltrare le richieste

Tutte le richieste riguardanti l’area comunale di Salerno devono essere inoltrate all’Ufficio Autorizzazione Insegne e Impianti Pubblicitari di via Canali, 1 – angolo via Dogana Vecchia n. 24.

Per maggiori informazioni consultare il sito web del Comune di Salerno.

Tremil, da oltre 30 anni nel settore, mette a disposizione dei clienti il proprio ufficio tecnico fornendo consulenza su tutti gli aspetti di ogni singolo progetto di comunicazione visiva. Per maggiori informazioni contattate il nostro centralino al numero 089 466546.

[/av_textblock]

0
    0
    il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuoto